Ricerca Avanzata

Niccolini, Filippo di Lorenzo di Matteo

Niccolini, Filippo di Lorenzo di Matteo Ricerca Avanzata
1655 - 1738
Ereditò non solo il patrimonio che dai vari rami della famiglia Niccolini si erano andati concentrando in suo padre, ma anche le ricchezze portate dalla madre, ossia i beni dei Bandini e parte del patrimonio Del Bufalo. Fu uomo di corte e i suoi servigi presso il granduca furono ricompensati con la commenda fondata nell'ordine di Santo Stefano dai Valgarini di Fermo. Fu soprattutto grande collezionista d'arte e seppe ampliare le raccolte ereditate dei suoi predecessori. In particolare fu assai prestigiosa la sua collezione di monete antiche (circa 4.000). Sposò nel 1680 Lucrezia del marchese Luca degli Albizzi (?-1740) da cui ebbe 9 figli. Il primogenito Agnolo Maria (1683-1727) sposò Maddalena di Lorenzo Venturi da cui ebbe una figlia femmina (Lucrezia, poi maritata a Lodovico Pannocchieschi d'Elci) e due maschi entrambi morti in giovane età. Il dovere di continuare la casata passò così agli altri figli di Filippo. Il secondogenito, Giovan Luca aveva ormai intrapreso la carriera ecclesiastica come pure l'ultimo nato, Antonio (1701-1769), il terzogenito Lorenzo morì giovane (1691-1716). Il titolo di marchese passò così a Giuseppe (1698-1735), che riuscì ad assicurare una discendenza, ma morì giovane, lasciando i propri figli minori sotto la tutela dei fratelli.
Titoli Onorifici : 3° marchese di Ponsacco e Camugliano